Maicol Borghetti Biography

Maicol Borghetti classe 1976 nasce a Pietrasanta, lavora e vive in Toscana, a Viareggio, dove ha sede lo Studio B19.

Fotografia, videomaking, 3D design, i campi di interesse sono molteplici ed in sovrapposizione tra loro, tutti uniti dallo stesso amore per l’immagine, sia essa in movimento, statica o a tutto tondo. Affascinato della fotografia e dalla computer grafica fin da giovanissimo fa dell’immagine la sua passione e lavoro. La prima automatica anni 80, la reflex Nikon, le medio formato russe tenute insieme con il nastro adesivo, fino alla Hasselblad, ed infine il digitale, sono tutti considerati solo strumenti al servizio di idee e di sperimentazioni visive che trasportano nel reale una necessità più profonda. Nel 2005 con il suo primo progetto fotografico “Immagini Zero” vince il concorso romano Martelive , espone alla Hype Gallery di Milano, al Rockodile, Alpheus, Fake, a Roma e tiene una mostra personale al Centre d’animation Reuilly a Parigi. Per un artista multipotenziale fermarsi alla sola fotografia non è un opzione e la necessità di sperimentare si amplia verso il mondo dell’immagine in movimento. La produzione video spazia molto, da progetti puramente visivi, alla creazione di storie inedite, lavori biografici e film documentari. La particolare sensibilità artistica lo porta a collaborazioni trasversali tra cinema e l’arte come per il mediometraggio OSMOSI realizzato insieme all’artista Mario Francesconi nel. Ottobre 2008, nell’ambito del progetto fotografico ALIENI (Giubbe Rosse Firenze) realizza la sua prima opera a tutto tondo da cui deriverà l’idea della scultura come foto pluridimensionale. Nel 2009 insieme a Igor Bertolucci e Francesco Basso fonda lo Studio Sumatra, il primo studio di produzione video in Italia a possedere una cinepresa Red 4K. Affascinato da sempre dalla fantascienza, nel 2011 dirige e produce Dispenser, cortometraggio tratto da un racconto di Stefano Nicoletti. Negli anni seguenti è direttore della fotografia e supporto tecnico per i videoclip di Franco Battiato, Lorenzo Jovanotti, Laura Pausini, Nesli, Nina Zilli, video prodotti da SugarKane Studio. Realizza inoltre videoclip per gruppi indipendenti di cui cura anche regia e montaggio. Nel 2013 dirige ACRONOS, cortometraggio che unisce fantascienza e video d’arte, realizzato e prodotto insieme all’artista Antonino Bove e presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2014. Negli anni seguenti con i cortometraggi di fantascienza Ison e The Liw precisa il suo punto di vista sul futuro che ci aspetta. Nel 2015 Ison è accolto con successo al Trieste Science+Fiction Festival. Da sempre impegnato a lavorare come “maker” dal 2016 perfeziona la sua tecnica e inizia a concretizzare una serie di sculture: nasce il progetto Mythos e Protos. Non sculture, ma immagini a cui si può girare attorno. La scultura non è considerata come il gesto di plasmare la materia ma è intesa come l’atto di condividere un istante, il leitmotiv che suggerisce la nascita di un opera è sempre lo stesso: lo stupore infantile della scoperta, mostrare a tutti qualcosa che esiste già ma che è nascosto agli occhi dei molti.

Negli accavallamenti tra le diverse conoscenze tecniche e artistiche che si travasano a vicenda, proprio in quei punti di contatto, casualmente si trovano gli stupori più grandi, ed è necessario mostrare e condividere.
Maicol Borghetti 2018